Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili per offrire la migliore esperienza di navigazione.

Proseguendo la navigazione, cliccando su un qualsiasi elemento o semplicemente scorrendo la pagina se ne accetta l'utilizzo. Per saperne di piu'

Ho capito e accetto

Politiche cookies

Questo documento ha l’intento di descrivere le tipologie di cookie utilizzati dal sito web www.formatsas.com (di seguito "Portale"), le finalità dei cookie installati e le modalità con cui l’utente può selezionare o deselezionare i cookie presenti sul Portale e che fruiscono dei servizi proposti.

Utilizziamo i cookie per rendere il nostro sito più facile e intuitivo. I dati raccolti grazie ai cookie servono per rendere l'esperienza di navigazione più piacevole e più efficiente in futuro.

1.COSA SONO I COOKIE

I cookie, così come definiti dall’Autorità Garante, sono stringhe di testo di piccole dimensioni che le applicazioni visitate dall’utente inviano al tuo terminale (solitamente al browser), dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi alle stesse applicazioni alla successiva visita del medesimo utente.

Con il termine cookie si vuol far riferimento sia ai cookie, propriamente detti, sia a tutte le tecnologie similari.

I cookie sono usati per accedere più rapidamente ai servizi online e per migliorare la navigazione dell’utente attraverso il monitoraggio di sessioni, la memorizzazione di informazioni degli utenti, il caricamento più rapido dei contenuti, etc.

2.TIPOLOGIE DI COOKIE

I cookie possono essere:

  • Cookie di prima parte: sono i cookie proprietari utilizzati dal titolare del trattamento dei dati personali al fine di consentire all’utente di navigare in modo più efficiente e/o di monitorare le azioni esercitate dallo stesso;
  • Cookie di terza parte: sono i cookie impostati da un sito diverso da quello che si sta attualmente visitando al fine di consentire all’utente di navigare in modo più efficiente e/o di monitorare le azioni esercitate dallo stesso.

Inoltre, si distinguono diverse tipologie di cookie:

  • Cookie Tecnici: utilizzati al solo fine di “effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell’informazione esplicitamente richiesto dall’abbonato o dall’utente a erogare tale servizio (art. 122, comma 1, del Codice Privacy). I cookie tecnici ricomprendono:
    • Cookie di Sessione o di Navigazione: garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito, permettendo ad esempio di navigare più rapidamente, di realizzare un acquisto o di autenticarsi per accedere ad aree riservate, e sono di fatto necessari per il suo corretto funzionamento.
    • Cookie di Funzionalità: permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.
    • Cookie Analitici di prima parte: assimilati sul piano normativo ai cookie tecnici se utilizzati direttamente dal titolare del Sito senza effettuare la profilazione dell’utente ma solo per raccogliere informazioni, in forma aggregata e anonima, sul numero degli utenti e su come questi visitano il Sito per finalità statistiche e per migliorare le performance del Sito.
    • Cookie Analitici di terza parte: sono messi a disposizione da soggetti terzi e vengono assimilati ai cookie tecnici se le terze parti non effettuano la profilazione dell’utente mediante l’utilizzo di strumenti idonei a ridurre il potere identificativo dei cookie (per esempio, mediante il mascheramento di porzioni significative dell’indirizzo IP) e senza incrociare le informazioni raccolte con altre di cui già dispongono.

      Per i cookie tecnici è richiesto il solo rilascio della Cookie Policy senza necessità di richiedere il consenso.
  • Cookie di profilazione di prima parte: installati dal titolare del trattamento dei dati personali per creare profili relativi all’utente al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate durante la navigazione in rete. Data la loro particolare invasività nella sfera privata degli utenti, la normativa europea e italiana richiede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi, che esprima il proprio consenso e che venga effettuata la notifica la Garante della Privacy.
  • Cookie di profilazione di terza parte: usati da soggetti terzi che accedono alle informazioni in chiaro, quindi non in modalità anonima e aggregata, e li incrociano con altri dati già in loro possesso. Il Sito non ha un controllo diretto dei singoli cookie di terze parti e non può né installarli direttamente né cancellarli. L’utente è pertanto invitato a verificare sul sito della terza parte la relativa informativa relativa ai cookie. Per tali cookie la normativa prevede che l'utente debba essere adeguatamente informato sull’uso degli stessi, che esprima il proprio consenso nonché che venga effettuata la notifica al Garante Privacy da parte del soggetto che utilizza i dati.

3.DURATA DEI COOKIE

I cookie hanno una durata dettata dalla data di scadenza o da un'azione specifica come la chiusura del browser impostata al momento dell’installazione. I cookie possono essere:

  • temporanei o di sessione: sono utilizzati per archiviare informazioni temporanee, consentono di collegare le azioni eseguite durante una sessione specifica e vengono rimossi dal computer alla chiusura del browser;
  • persistenti: sono utilizzati per archiviare informazioni, ad esempio il nome e la password di accesso, in modo da evitare che l'utente debba digitarli nuovamente ogni volta che visita un sito specifico. Questi rimangono memorizzati nel computer anche dopo aver chiuso il browser.

4.COOKIE INSTALLATI

I cookie presenti su questo Sito sono:

  • cookie tecnici necessari per il funzionamento del sito;
  • cookie di terza parte, che potrebbero effettuare attività di profilazione dell’utente anche all’insaputa del Titolare. Per maggiori informazioni si consiglia di consultare con attenzione le privacy policy dei singoli servizi sotto elencati.
    Di seguito l'elenco dei cookie di terza parte presenti su questo Sito:
    • Google Analytics con IP anonimizzato
      Google Analytics installa cookie per misurare le visite al Sito e gli eventuali acquisti effettuati ai fini di analisi. L’indirizzo IP degli utenti verrà anonimizzato. Per maggiori informazioni e per disattivare questi cookie, consultare la pagina: https://www.google.com/intl/it/policies/privacy/
    • JPaneSliders
      Questo cookie di sessione viene utilizzato per visualizzare le informazioni in tab o pannelli (per esempio la pagina delle FAQ) per memorizzare quale pannello è rimasto aperto quando si lascia la pagina e ci si ritorna in futuro.
    • Cookieaccept
      Di tipo persistente, serve a memorizzare il consenso dell'utente all'utilizzo dei cookie.

5.MANIFESTAZIONE DEL CONSENSO

Alla prima visita del Sito l’utente visualizza automaticamente un banner, contenente sia il link alla presente informativa completa che la richiesta di manifestazione del consenso all’utilizzo dei cookie.

Il consenso può essere prestato dall’utente cliccando il tasto ACCETTO sul banner, effettuando azioni di scroll sulla pagina e/o accedendo ad altre sezioni del Sito cliccando su link presenti nella pagina web sottostante al banner stesso (azione conseguente).

6.COME DISABILITARE I COOKIE

L'utente può gestire le preferenze relative ai cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i cookie installati in passato, incluso il cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di cookie da parte di questo Sito.
Disabilitando tutti i cookie, il funzionamento di questo Sito potrebbe risultare compromesso.

L'utente può trovare informazioni e esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento dei cookie nel suo browser ai seguenti indirizzi:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/it-IT/internet-explorer/delete-manage-cookies

Google Chrome: https://support.google.com/chrome/answer/95647?hl=it

Mozilla Firefox: https://support.mozilla.org/it/kb/Gestione%20dei%20cookie

Opera: http://help.opera.com/Windows/10.00/it/cookies.html

Apple Safari: https://support.apple.com/kb/PH19214?locale=it_IT

Inoltre si può procedere alla cancellazione dei cookie chiedendo l'opt-out direttamente alle terze parti o tramite il sito http://www.youronlinechoices.com/it , dove è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari.

7.DIRITTI DEGLI UTENTI

L’Utente ha la facoltà in qualsiasi momento di esercitare i diritti riconosciuti dall'art. 7 del D.Lgs. 196/2003 ed, in particolare, tra gli altri, di ottenere copia dei dati trattati, il loro aggiornamento, la loro origine, la finalità e la modalità del trattamento, la loro rettifica o integrazione, la loro cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco per i trattamenti in violazione di legge e di opporsi per motivi legittimi al trattamento.

Per esercitare tali diritti, scrivere al Titolare del trattamento dei dati Format s.a.s., via F. Cavallotti 6, 44021 Codigoro (FE) Italia, aiuto@formatsas.com

Le ulteriori informazioni riguardo al trattamento dei dati si possono trovare in questa pagina

Formazione Residenziale

  • Home
  • Formazione
  • ECM
  • Formazione Residenziale

Formazione Residenziale ECM

 

NEUROFISIOLOGIA DEI DISTURBI PSICHICI E COMORBIDITÀ CON LE DEMENZE #WEB6022TN2109
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

L’incremento dell’età media negli ultimi decenni ha determinato un corrispettivo aumento della prevalenza di disturbi psichiatrici in età senile. Fragilità, isolamento, comorbidità somatica e disabilità contribuiscono a determinare un aumento della richiesta di trattamenti psichiatrici anche nelle fasce più avanzate di età più avanzate della popolazione. Diversi lavori hanno dimostrato come alcune malattie fisiche siano particolarmente associate allo sviluppo di depressione nell’anziano: infezioni virali, patologie endocrinologiche, malattie neoplastiche, malattie cerebrovascolari, infarto del miocardio, alterazioni metaboliche, malnutrizione, malattia di Parkinson. Accanto a questi, la presenza di eventi di vita stressanti possono aggravare ulteriormente il rischio di sviluppare sintomi depressivi. Nonostante prevalenze così rilevanti, spesso la depressione nell’anziano viene sottostimata. Uno dei motivi è la presentazione atipica dei sintomi: negli anziani infatti, prevale la sintomatologia somatica (in particolar modo quella algica) rispetto a quella psicologica. Scarsa concentrazione e deficit memoria possono inoltre essere scambiati per invecchiamento fisiologico o decadimento cognitivo, quando invece sottendono una condizione depressiva.

Destinatari

  • Tutte le professioni sanitarie: 8 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Mercoledì 21 Settembre 2022 9:00
Termine evento Mercoledì 28 Settembre 2022 13:00
Data inizio iscrizioni 06-05-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 21-09-2022 0:00
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 8
Destinatari Tutte la professioni sanitarie
Crediti ECM 8
Allegato WEB6022TN2109.pdf
AITERP – ATS: WHAT’S UP? FUNZIONI, OBIETTIVI E PROSPETTIVE FUTURE #AIT0122BS2805
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Lo scopo del corso è di accompagnare i soci AITERP nella comprensione del passaggio da associazione professionale ad Associazione Tecnico Scientifica (ATS) introducendo le riflessioni a proposito delle linee guida.

Destinatari

Tecnici di riabilitazione psichiatrica

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Sabato 28 Maggio 2022 9:00
Termine evento Sabato 28 Maggio 2022 13:00
Data inizio iscrizioni 28-04-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 27-05-2022 0:00
Costo per persona Corso di formazione organizzato da AITeRP Lombardia. La partecipazione è gratuita, riservata agli iscritti AITeRP.
Ore totali 4
Orario dettagliato 28/05/2022: 09.00/13.00
Informazioni Aggiuntive Posti disponibili: 50
Destinatari Tecnici di riabilitazione psichiatrica
Crediti ECM in fase di accreditamento
Luogo BRESCIA (BS) - Casa delle Associazioni di Brescia - Via Cimabue, 16
Allegato AIT0122BS2805.pdf
PERCHE’ PAGARE LA TASSA DI ISCRIZIONE ANNUALE & L’ESERCIZIO ABUSIVO DELLA PROFESSIONE #WFS0122TN0705
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Vedi brochure.

Destinatari

Fisioterapisti

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Sabato 7 Maggio 2022 14:00
Termine evento Sabato 7 Maggio 2022 18:00
Data inizio iscrizioni 07-05-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 15-05-2022 0:00
Costo per persona Evento gratuito
Ore totali 4
Orario dettagliato 07/05/2022: 14.00/18.00
Informazioni Aggiuntive Posti disponibili: 100
Destinatari Fisioterapisti
Crediti ECM 4
Allegato WFS0122TN0705.pdf

Iscrizioni concluse

DISTURBO BORDERLINE DI PERSONALITÀ #WEB5822TN0704
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Il corso si pone l’obiettivo di descrivere dettagliatamente il disturbo borderline di personalità secondo le indicazioni cliniche del DSM 5, indicandone i principi orientativi per riconoscerlo e le modalità relazionali più funzionali per interagire con questi pazienti affetti da tale disturbo di personalità.

Destinatari

  • Tutte le professioni sanitarie: 4 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Giovedì 7 Aprile 2022 9:00
Termine evento Giovedì 7 Aprile 2022 13:00
Data inizio iscrizioni 01-03-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 08-04-2022 0:00
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 4
Destinatari Tutte la professioni sanitarie
Crediti ECM 4
Allegato WEB5822TN0704.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO BASE ABILITANTE #PROGETTO TRIAGE #WTO0122TN2103
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Il corso è organizzato dal "G.F.T. «Gruppo Formazione al Triage", società scientifica che ha per scopo la formazione al Triage del personale infermieristico e medico che opera nell'ambito del Pronto Soccorso e si propone come "luogo di condivisione" delle esperienze specifiche. Il corso pone le basi per attuare una completa e corretta valutazione del paziente secondo i criteri del Triage Globale e gestire situazioni che possono presentarsi al triage. Le competenze acquisite attraverso il corso sono indispensabili per l’attività di triage nei Pronto Soccorso generali e specialistici e si pongono come solida base per gli ulteriori approfondimenti monotematici specialistici.
Il corso vuole fornire elementi utili a svolgere la funzione di Triage come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso, in base a criteri definiti e diffusamente accettati, che consentano di stabilire la priorità di intervento Quanto realizzato è in linea con le attuali disposizioni normative e le attuali evidenze scientifiche (Linee Guida sul Sistema di Emergenza Sanitaria, Atto d’Intesa Stato Regioni, Maggio 1996, Atto di Intesa tra Ministero della Salute e Conferenza Stato Regioni di cui alla G.U. 285 del 7 dicembre 2001, Linee di Indirizzo Per il Triage di Pronto Soccorso pubblicate sul sito del ministero della salute nel 2019).
Considerata l’impossibilità di realizzare eventi formativi residenziali in seguito all’emergenza COVID 19 ed alle attuali norme anticontagio, si realizzeranno incontri webinar tra i docenti e l’intero gruppo di discenti realizzando lezioni frontali e momenti di discussione in plenaria alternati a lavori a piccoli gruppi su casi clinici simulati ed applicazione del sistema di valutazione ed assegnazione del codice di priorità a 5 livelli numerici.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 80 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Lunedì 21 Marzo 2022 15:00
Termine evento Lunedì 4 Aprile 2022 20:00
Data inizio iscrizioni 07-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 21-03-2022 0:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 80
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 80
Allegato WTO0122TN2103.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

NEUROSCIENZE E DISTURBI CEREBROVASCOLARI #WEB5122TN1503
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Il corso approfondisce la tematica scientifica relativa le malattie cerebrovascolari, le quali rappresentano la terza causa di morte e la principale causa di disabilità dell’adulto. Il quadro clinico è caratterizzato dall’insorgenza improvvisa (nella maggior parte dei casi nel giro di pochi minuti) di segni o sintomi indicativi di un danno focale (cioè di un danno limitato a un’area circoscritta del sistema nervoso centrale) conseguente ad un’alterazione della circolazione cerebrale, la quale può determinare deficit cognitivi, del sistema somatosensoriale, motori, linguistici.

Destinatari

  • Tutte le professioni sanitarie: 8 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Martedì 15 Marzo 2022 9:00
Termine evento Mercoledì 23 Marzo 2022 13:00
Data inizio iscrizioni 27-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 15-03-2022 0:00
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 8
Destinatari Tutte la professioni sanitarie
Crediti ECM 8
Allegato WEB5122TN1503.pdf

Iscrizioni concluse

LINEE DI INDIRIZZO NAZIONALI 2019: TRIAGE, OBI E SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO #GFA0222TN2802
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione delle strutture dell’emergenza urgenza e della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che hanno rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regioni il 1/8/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri.
Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding. Questi incontri offrono una descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura. Questo corso, rivolto a infermieri, medici, infermieri pediatrici ed ostetriche a diverso titolo coinvolti nell’attività di triage, è organizzato da AceMC e GFT, due società scientifiche che si pongono l’obiettivo di sviluppare percorsi di studio e diffondere strategie formative volte ad aumentare il livello di competenza degli operatori dell’emergenza urgenza e promuovere il miglioramento della qualità dell’assistenza offerta ai cittadini. Questa comunione di intenti si esprime concretamente con la scelta di offrire l’iscrizione gratuita all’iniziativa a tutti i professionisti che intendono approfondire gli argomenti oggetto del corso e partecipare al confronto sulle difficoltà presenti nelle realtà operative e individuare strategie per superale ed applicare nella quotidianità quanto raccomandato in letteratura.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
Inizio evento Lunedì 28 Febbraio 2022 16:30
Termine evento Giovedì 3 Marzo 2022 19:00
Data inizio iscrizioni 04-02-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 28-02-2022 0:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 5
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 5
Allegato GFA0222TN2802.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO BASE ABILITANTE #PROGETTO TRIAGE #WTO0122TN2502
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Il corso è organizzato dal "G.F.T. «Gruppo Formazione al Triage", società scientifica che ha per scopo la formazione al Triage del personale infermieristico e medico che opera nell'ambito del Pronto Soccorso e si propone come "luogo di condivisione" delle esperienze specifiche. Il corso pone le basi per attuare una completa e corretta valutazione del paziente secondo i criteri del Triage Globale e gestire situazioni che possono presentarsi al triage. Le competenze acquisite attraverso il corso sono indispensabili per l’attività di triage nei Pronto Soccorso generali e specialistici e si pongono come solida base per gli ulteriori approfondimenti monotematici specialistici.
Il corso vuole fornire elementi utili a svolgere la funzione di Triage come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso, in base a criteri definiti e diffusamente accettati, che consentano di stabilire la priorità di intervento Quanto realizzato è in linea con le attuali disposizioni normative e le attuali evidenze scientifiche (Linee Guida sul Sistema di Emergenza Sanitaria, Atto d’Intesa Stato Regioni, Maggio 1996, Atto di Intesa tra Ministero della Salute e Conferenza Stato Regioni di cui alla G.U. 285 del 7 dicembre 2001, Linee di Indirizzo Per il Triage di Pronto Soccorso pubblicate sul sito del ministero della salute nel 2019).
Considerata l’impossibilità di realizzare eventi formativi residenziali in seguito all’emergenza COVID 19 ed alle attuali norme anticontagio, si realizzeranno incontri webinar tra i docenti e l’intero gruppo di discenti realizzando lezioni frontali e momenti di discussione in plenaria alternati a lavori a piccoli gruppi su casi clinici simulati ed applicazione del sistema di valutazione ed assegnazione del codice di priorità a 5 livelli numerici.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 80 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Venerdì 25 Febbraio 2022 15:00
Termine evento Mercoledì 9 Marzo 2022 20:00
Data inizio iscrizioni 07-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 25-02-2022 0:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 80
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 80
Allegato WTO0122TN2502.pdf

Iscrizioni concluse

PSICOPATOLOGIA. SEMINARI TEORICI-CLINICI #WSP0322TN2402
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

I Seminari si propongono come un momento di formazione successivo ai quattro anni del Corso di Specializzazione in psicoterapia psicoanalitica individuale dell’Adulto o per psichiatri, psicoterapeuti, o psicoanalisti che desiderino partecipare. Si darà ampio rilievo, come da tradizione SPP, al momento clinico (presentazione e discussione di un caso trattato in psicoterapia) e si approfondirà la dimensione psicopatologica a livello teorico - tecnico.

Destinatari

  • Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia: 30 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Giovedì 24 Febbraio 2022 15:30
Termine evento Giovedì 15 Dicembre 2022 18:30
Data inizio iscrizioni 05-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 24-02-2022 0:00
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 30
Destinatari Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia: 30 crediti ECM
Crediti ECM 30
Allegato WSP0322TN2402.pdf

Iscrizioni concluse

LINEE DI INDIRIZZO NAZIONALI 2019: TRIAGE, OBI E SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO #GFA0122TN2202
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione delle strutture dell’emergenza urgenza e della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che hanno rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regioni il 1/8/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri.
Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding. Questi incontri offrono una descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura. Questo corso, rivolto a infermieri, medici, infermieri pediatrici ed ostetriche a diverso titolo coinvolti nell’attività di triage, è organizzato da AceMC e GFT, due società scientifiche che si pongono l’obiettivo di sviluppare percorsi di studio e diffondere strategie formative volte ad aumentare il livello di competenza degli operatori dell’emergenza urgenza e promuovere il miglioramento della qualità dell’assistenza offerta ai cittadini. Questa comunione di intenti si esprime concretamente con la scelta di offrire l’iscrizione gratuita all’iniziativa a tutti i professionisti che intendono approfondire gli argomenti oggetto del corso e partecipare al confronto sulle difficoltà presenti nelle realtà operative e individuare strategie per superale ed applicare nella quotidianità quanto raccomandato in letteratura.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
Inizio evento Martedì 22 Febbraio 2022 16:30
Termine evento Giovedì 24 Febbraio 2022 19:00
Data inizio iscrizioni 07-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 22-03-2022 0:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 5
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 5
Allegato GFA0122TN2202.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

CONTENITORI CONTENUTI. GRUPPO DI INTERVISIONE CLINICA #LMZ0222MI1202
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Il gruppo psicoanalitico di intervisione clinica “Contenitori - Contenuti” si pone per i partecipanti quale contenitore trasformativo degli scambi nascenti dalla discussione di casi clinici, osservati all’interno di percorsi di cura in contesti sia pubblici che privati.

Il Gruppo nasce circa 12 anni fa all’interno dell’Associazione di Studi Psicoanalitici di Milano.

Uno spazio di condivisione analitica tra alcuni colleghi analisti, che scelsero di prendere avvio da una comune riflessione sui contenuti di un libro inerente le molteplici sfumature delle dinamiche relazionali adolescenziali, scritto da una delle fondatrici del gruppo.

Un gruppo psicoanalitico di intervisione che nel corso degli anni si è ampliato, trasformato e vitalizzato grazie ai contributi delle persone che ne hanno fatto parte, divenendo per molti dei suoi membri un luogo di confronto clinico costante, dove potere osservare le infinte forme di sofferenza psichica espressa lungo l’intero arco di vita.

Un’esperienza di condivisione che, fin dagli inizi, si è ispirata prevalentemente alle teorie bioniane e postbioniane, volgendo però lo sguardo all’insieme di teorie e tecniche psicoanalitiche che, partendo dal pensiero freudiano e ferencziano, si sono succedute arrivando ai contributi odierni.

L’esperienza della coppia analitica e la possibilità di osservarla all’interno di un contenitore gruppale può, secondo le riflessioni dei componenti del gruppo, permettere di attraversare il mortifero dell’esperienza umana rendendolo pensabile, trasformabile e vitale.

Da un vertice psicoanalitico Bion (1963) ci ha mostrato come sia fondamentale (e fondante) l’articolazione fra “contenuto” e “contenitore”, un ruolo essenziale nello sviluppo mentale. Bion dice che non solo la personalità è costituita da queste due componenti, ma anche i pensieri lo sono.

Si tratta di una situazione dinamica, ossia, ci può essere un “contenitore” alla ricerca di un “contenuto”, così come ci può essere una realizzazione (un “contenuto”) che cerca un “contenitore”. Insomma non esistono soltanto pensatori che trovano pensieri, ma esistono anche pensieri che vagano alla ricerca di un pensatore.

La prima intuizione clinica sulla funzione di contenimento della madre rispetto alle angosce di morte del bambino era stata proposta da Bion nel 1959, nell’articolo Attacchi al legame, nel quale ipotizzava, rifacendosi alla teoria Kleiniana (Klein 1946), come l’identificazione proiettiva fosse in alcuni pazienti l’unica forma di legame attraverso cui potevano e cercavano di essere capiti. In sostanza (anche se riduttivamente) il modello contenitore-contenuto rappresenta uno sviluppo e un’espansione in senso comunicativo del concetto kleiniano di identificazione proiettiva. Infatti Bion (1959) considera come facendo ricorso all’identificazione proiettiva il bambino si procuri: ”la possibilità di studiare le proprie sensazioni attraverso l’effetto che esse producono nella personalità in cui egli le ha proiettate”. A differenza della Klein, che aveva sottolineato i versanti essenzialmente difensivi ed evacuativi dell’identificazione proiettiva, Bion ne recupera la dimensione di profonda comunicazione inconscia, facendo della relazione contenitore-contenuto, insieme a PS-D, e ai legami L (love) H (hate), K (knowledge) degli elementi psicoanalitici fondamentali, con estensione nel campo del senso, del mito e della passione.

Se collegati, o meglio, se permeati dall’emozione, contenitore e contenuto si trasformano ed evolvono reciprocamente in un modo che viene abitualmente descritto come “sviluppo”. E, in particolare, lo sviluppo del contenitore avviene attraverso specifiche esperienze emotive (Ferro 2002).

Ripetute vicende di intimo contatto, successivi micro unisoni, micro esperienze di essere in O, di diventare l’O, la verità emotiva del bambino da parte della madre, di diventare l’O, la verità emotiva del paziente, da parte dell’analista.

Movimenti relazionali che si attivano all’interno del lavoro di intervisione del gruppo dove le idee e riflessioni presentate dal singolo incontrano e si animano nell’incontro con le nuove e altrui idee del gruppo.

Spesso i contenuti presentati all’interno del gruppo appaiono densi di situazioni traumatiche di differente gravità. Esperienze relazionali traumatiche che vengono osservate volgendo lo sguardo a quel “vecchio trauma” percepito come pensiero catastrofico, destrutturante la vecchia “pelle”.

Uno sguardo che può apportare spazi di “salvezza” psichica laddove vi sia la presenza di una mente nuova (inizialmente quella dell’analista) che può supportarla e sognarla all’interno della coppia analitica. Questo l’aspetto positivo, spesso trascurato, del cambiamento catastrofico. In altri termini, la mente nuova viene creata dal “nuovo” pensiero.

Un contenitore, dunque, costituito da un gruppo di lavoro pensato come un’analista-madre che, raccogliendo i “pensieri selvaggi” osservati all’interno delle differenti situazioni di prese in carico, si muove al fine di rendere maggiormente digeribili e significabili i grezzi elementi beta.

Il gruppo potrà concludere gli incontri realizzando una Giornata di Studio in cui presentare il proprio lavoro e aprire un confronto e un dibattito creativo.

Destinatari

Professionisti con una formazione clinica psicoanalitica.

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto / dibattito
Inizio evento Sabato 12 Febbraio 2022 12:15
Termine evento Sabato 17 Dicembre 2022 13:45
Data inizio iscrizioni 17-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 31-03-2022 0:00
Costo per persona 252,00 €
Ore totali 13:30
Informazioni Aggiuntive Info pagamento tramite bonifico bancario: FORMAT sas - Via del Brennero, 136 - Trento # BANCA POPOLARE DELL'EMILIA ROMAGNA # COD. IBAN: IT67 E 05387 67200 00000 0000 523 # Indicare come causale: nome, cognome e codice evento (LMZ0222MI1202)
Destinatari Professionisti con una formazione clinica psicoanalitica.
Crediti ECM 18,1
Luogo MILANO (MI) - STUDIO 12 PSICOTERAPIA, PSICHIATRIA, PSICOPEDAGOGIA
Allegato LMZ0222MI1202.pdf

Iscrizioni concluse

DA UNA PSICOANALISI COME SCIENZA DELLE INTERPRETAZIONI A UNA PSICOANALISI COME SCIENZA DELLE TRASFORMAZIONI. SEMINARI CON IL DOTT. MAURO MANICA #LMZ0122MI1202
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Nel corso degli ultimi decenni la psicoanalisi è andata incontro a significative e importanti evoluzioni. Tanto che nel 2017 la psicoanalista israeliana Ofra Eshel è arrivata a sostenere che, grazie soprattutto, ai contributi di Winnicott sulla regressione e di Bion con l'introduzione del concetto di O, abbiamo assistito a una vera e propria rivoluzione di paradigma. Questo salto “quantico” ha consentito il passaggio da una psicoanalisi epistemologica (dove ha rilievo quanto l'analista sa e il paziente arriva a conoscere di se stesso) ad una psicoanalisi ontologica (in cui diviene essenziale la presenza dell'analista, tutto ciò che l'analista è e riesce a “diventare” dell'esperienza emotiva del paziente).

In particolare, secondo la Eshel - ma anche secondo Ogden (2019) - sono la concezione bioniana di trasformazione in O e la revisione tecnico-clinica winnicottiana del lavoro analitico - che pone una particolare enfasi sulla regressione nel trattamento dei pazienti gravi - a determinare una vera e propria rivoluzione di paradigma. Una rivoluzione in cui la regressione, spinta sino al limite del bisogno del paziente di rinascere (Winnicott, 1949) e la realtà emozionale di O, sconosciuta e inconoscibile (Bion, 1965, 1970), possono essere collegate con la “paura di un crollo” impensabile (Winnicott, 1963) e con il concetto di “cambiamento catastrofico” (Bion, 1974).

Si sono così moltiplicati gli strumenti tecnici di cui lo psicoanalista può disporre nella sua attività clinica: assenza di memoria e di desiderio, capacità negative (cioè, la capacità di sostare nel dubbio, nell'angoscia e nel caos senza sviluppare troppa persecuzione), essere in unisono (at-one-ment) emotivo, intuizione, atti di Fede, capacità di rêverie; linguaggio dell'Effettività, trasformazioni in sogno e in gioco, diventare O (diventare la verità dell'esperienza emotiva del paziente e della seduta), sono i nuovi “tools” che si sono aggiunti all'interpretazione in quella che Fausto Petrella aveva definito la “cassetta degli attrezzi” dello psicoanalista.

Questo ampliamento di strumenti ha fatto sì che si espandesse la nostra comprensione dei funzionamenti più primitivi e più disorganizzati della mente e che, altrettanto, si sia esteso il campo di applicazione della psicoanalisi come strumento terapeutico. La cura dei pazienti più gravi o delle aree di funzionamento più grave anche nei pazienti cosiddetti nevrotici (nuclei autistici, parti psicotiche e psicosomatiche, dimensioni operatorie e non-verbali) è diventata la sfida clinica a cui siamo chiamati.

È questa la frontiera di ricerca e di cura che i seminari di quest'anno, con il contributo del gruppo, tenteranno di esplorare.

Destinatari

Professionisti con una formazione clinica psicoanalitica.

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto / dibattito
Inizio evento Sabato 12 Febbraio 2022 9:00
Termine evento Sabato 17 Dicembre 2022 12:00
Data inizio iscrizioni 17-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 31-03-2022 0:00
Costo per persona 558,00 €
Ore totali 27
Informazioni Aggiuntive Info pagamento tramite bonifico bancario: FORMAT sas - Via del Brennero, 136 - Trento # BANCA POPOLARE DELL'EMILIA ROMAGNA # COD. IBAN: IT67 E 05387 67200 00000 0000 523 # Indicare come causale: nome, cognome e codice evento (LMZ0122MI1202)
Destinatari Professionisti con una formazione clinica psicoanalitica.
Crediti ECM 37,8
Luogo MILANO (MI) - STUDIO 12 PSICOTERAPIA, PSICHIATRIA, PSICOPEDAGOGIA
Allegato LMZ0122MI1202.pdf

Iscrizioni concluse

DALLA PRESENTAZIONE DEL CASO CLINICO ALLA TEORIA ATTRAVERSO LE CLASSICHE NEVROSI E FINO AI DISTURBI PIÙ SEVERI DELLA PERSONALITÀ #WSP0122TN0502
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Gli incontri si propongono come un momento di formazione successivo ai quattro anni del Corso di Specializzazione in psicoterapia psicoanalitica individuale dell’Adulto e sono rivolti anche a psichiatri, psicoterapeuti e psicoanalisti che desiderino partecipare.

Destinatari

  • Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia: 24 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Sabato 5 Febbraio 2022 10:00
Termine evento Sabato 19 Novembre 2022 13:00
Data inizio iscrizioni 05-01-2022 0:00
Chiusura iscrizioni 28-02-2022 0:00
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 24
Destinatari Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia: 24 crediti ECM
Crediti ECM 24
Allegato WSP0122TN0502.pdf

Iscrizioni concluse

LA RETE CURE SICURE FVG: L’ANTIMICROBIAL STEWARDSHIP E LA RETE DI SORVEGLIANZA DELLE INFEZIONI #OPI0122UD0302
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Le infezioni associate all’assistenza, note come Healthcare Associates Infections (HAI), sono infezioni acquisite dai pazienti durante la loro permanenza nei setting di cura ospedalieri o territoriali. Tali infezioni possono determinare esiti negativi sui pazienti, da un peggioramento delle condizioni di salute e un prolungamento dei tempi di degenza sino ad un aumento della mortalità. Le principali infezioni correlate all’assistenza sono a carico di: tratto respiratorio, tratto urinario, ferite chirurgiche e infezioni ematiche associate ai dispositivi endovenosi. L’obiettivo di questo ciclo di incontri formativi si pone come finalità la conoscenza delle principali HAI a partire da un approfondimento relativo alla eziologia delle infezioni e alle conseguenze delle stesse sullo stato di salute dei pazienti sino all’approfondimento delle raccomandazioni per l’infermieristica atte a ridurre la loro insorgenza in ambito sanitario e delle principali reti e modalità di sorveglianza/monitoraggio locali e regionali.

Destinatari

  • Infermiere: 3 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 3 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Giovedì 3 Febbraio 2022 15:00
Termine evento Giovedì 3 Febbraio 2022 18:00
Chiusura iscrizioni 28-01-2022 0:00
Costo per persona Iscritti OPI Udine: 10,00 | Iscritti altri OPI: € 30,00
Informazioni Aggiuntive L'accesso in aula è consentito soltanto se muniti di green pass valido.
Luogo UDINE (UD) - Enaip FVG - Centro Servizi Formativi di Pasian di Prato
Allegato OPI0121UD1210.pdf

Iscrizioni concluse

LE INFEZIONI DEL TRATTO RESPIRATORIO E DELLE FERITE CHIRURGICHE #OPI0122UD1201
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Le infezioni associate all’assistenza, note come Healthcare Associates Infections (HAI), sono infezioni acquisite dai pazienti durante la loro permanenza nei setting di cura ospedalieri o territoriali. Tali infezioni possono determinare esiti negativi sui pazienti, da un peggioramento delle condizioni di salute e un prolungamento dei tempi di degenza sino ad un aumento della mortalità. Le principali infezioni correlate all’assistenza sono a carico di: tratto respiratorio, tratto urinario, ferite chirurgiche e infezioni ematiche associate ai dispositivi endovenosi. L’obiettivo di questo ciclo di incontri formativi si pone come finalità la conoscenza delle principali HAI a partire da un approfondimento relativo alla eziologia delle infezioni e alle conseguenze delle stesse sullo stato di salute dei pazienti sino all’approfondimento delle raccomandazioni per l’infermieristica atte a ridurre la loro insorgenza in ambito sanitario e delle principali reti e modalità di sorveglianza/monitoraggio locali e regionali.

Destinatari

  • Infermiere: 3 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 3 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Mercoledì 12 Gennaio 2022 15:00
Termine evento Mercoledì 12 Gennaio 2022 18:00
Chiusura iscrizioni 05-01-2022 0:00
Costo per persona Iscritti OPI Udine: 10,00 | Iscritti altri OPI: € 30,00
Informazioni Aggiuntive L'accesso in aula è consentito soltanto se muniti di green pass valido.
Luogo UDINE (UD) - Enaip FVG - Centro Servizi Formativi di Pasian di Prato
Allegato OPI0121UD1210.pdf

Iscrizioni concluse

LE INFEZIONI DA DEVICES VASCOLARI E DEL TRATTO URINARIO #OPI0121UD1512
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Le infezioni associate all’assistenza, note come Healthcare Associates Infections (HAI), sono infezioni acquisite dai pazienti durante la loro permanenza nei setting di cura ospedalieri o territoriali. Tali infezioni possono determinare esiti negativi sui pazienti, da un peggioramento delle condizioni di salute e un prolungamento dei tempi di degenza sino ad un aumento della mortalità. Le principali infezioni correlate all’assistenza sono a carico di: tratto respiratorio, tratto urinario, ferite chirurgiche e infezioni ematiche associate ai dispositivi endovenosi. L’obiettivo di questo ciclo di incontri formativi si pone come finalità la conoscenza delle principali HAI a partire da un approfondimento relativo alla eziologia delle infezioni e alle conseguenze delle stesse sullo stato di salute dei pazienti sino all’approfondimento delle raccomandazioni per l’infermieristica atte a ridurre la loro insorgenza in ambito sanitario e delle principali reti e modalità di sorveglianza/monitoraggio locali e regionali.

Destinatari

  • Infermiere: 3 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 3 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Mercoledì 15 Dicembre 2021 15:00
Termine evento Mercoledì 15 Dicembre 2021 18:00
Chiusura iscrizioni 08-12-2021 0:00
Costo per persona Iscritti OPI Udine: 10,00 | Iscritti altri OPI: € 30,00
Informazioni Aggiuntive L'accesso in aula è consentito soltanto se muniti di green pass valido.
Luogo UDINE (UD) - Enaip FVG - Centro Servizi Formativi di Pasian di Prato
Allegato OPI0121UD1210.pdf

Iscrizioni concluse

PSICOSI MANIACO-DEPRESSIVA, CROLLI IDENTITARI E CONTINUITÀ DELL’ESSERE #WSP1221TN1412
Finalità
Didattica

Finalità

La depressione e la mania sono state descritte fin dagli albori, della psichiatria prima e della psicoanalisi poi, come quadri clinici separati e in queste modalità possono realmente presentarsi negli individui affetti da tali disturbi. Sono stati accomunati come concetti teorici, rispecchiando la realtà della clinica, nel quadro classico della psicosi maniaco-depressiva. Anche tale quadro clinico ha beneficiato dell’uso degli psicofarmaci e un numero sempre maggiore di pazienti ha avuto accesso a interventi psicoanalitici-psicoterapici rispondenti a differenti impostazioni teoriche. L’approfondimento dei principali concetti che possono fornire la comprensione di tali quadri è il fine di questo seminario./switcher_item]

Destinatari

Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Martedì 14 Dicembre 2021 19:30
Termine evento Martedì 14 Dicembre 2021 22:30
Data inizio iscrizioni 10-11-2021 0:00
Chiusura iscrizioni Lunedì 13 Dicembre 2021 12:00
Costo per persona vedi brochure
Orario dettagliato 19.30 – 22.30
Destinatari Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia.
Crediti ECM 3
Allegato WSP1221TN1412.pdf

Iscrizioni concluse

LA DISFAGIA: PREVENZIONE, DIAGNOSI E GESTIONE SUL TERRITORIO #WBG0921TN1112
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Disfagia è il termine clinico utilizzato per descrivere la difficoltà di deglutizione di cibi solidi e liquidi; deriva dal greco dys- (cattivo, difficile) + phagein (da mangiare) ed è causata da alterazioni del controllo di nervi o muscoli, determinate da diversi quadri clinici. Si stima che la disfagia orofaringea colpisca circa il 13% della popolazione generale dopo i 65 anni d’età e che 1 persona su 17 ne soffra, prima o poi, nel corso della vita. La percentuale sale al 50% nei soggetti anziani ospedalizzati o in RSA e si manifesta nel 40- 70% delle persone che hanno subito un ictus. Inoltre, nei pazienti con malattie neurologiche cronico-degenerative, come l’Alzheimer, il Parkinson, la demenza e la SLA, può comparire in percentuali comprese tra 20-80% dei casi. Al fine di ridurre i costi sociali e assistenziali, è fondamentale provvedere attivamente alla gestione della prevenzione, diagnosi precoce, attraverso un’accurata valutazione di dati anamnestici supportata da una valutazione oggettiva di tipo strumentale e/o clinico, nonché alla gestione continuativa ed accurata che prevenga eventuali esiti peggiorativi del quadro clinico. Le diverse professionalità che si alterneranno nella mattinata di studio rappresentano il team multi-specialistico che esprime tutte le competenze necessarie per la gestione della persona assistita con disfagia nei diversi contesti territoriali. Volendo fornire a ciascun partecipante elementi pratici di gestione della problematica che possano essere utilizzati da subito nel proprio contesto di attività è stata prevista una specifica sezione dedicata ad esercitazioni pratiche guidate dagli esperti presenti.

Destinatari

Infermieri, Infermieri pediatrici iscritti all'OPI di Bergamo che lavorano presso:
● Residenze Sanitarie per Anziani (RSA)
● Servizio dell'Infermiere di Famiglia e Comunità (IFeC)
● Centri Diurni
● Servizi di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale
  • Discussione e confronto
  • Workshop a piccoli gruppi
Inizio evento Sabato 11 Dicembre 2021 8:45
Termine evento Sabato 11 Dicembre 2021 13:00
Data inizio iscrizioni 20-10-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 11-12-2021 0:00
Costo per persona La partecipazione è gratuita, riservata ai destinatari dell'iniziativa (vedi brochure).
Orario dettagliato 08.45 - 13.00
Destinatari vedi brochure
Crediti ECM 5,5
Allegato WBG0921TN2711 WBG0921TN1112.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

LA DISFAGIA: PREVENZIONE, DIAGNOSI E GESTIONE SUL TERRITORIO #WBG0921TN2711
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Disfagia è il termine clinico utilizzato per descrivere la difficoltà di deglutizione di cibi solidi e liquidi; deriva dal greco dys- (cattivo, difficile) + phagein (da mangiare) ed è causata da alterazioni del controllo di nervi o muscoli, determinate da diversi quadri clinici. Si stima che la disfagia orofaringea colpisca circa il 13% della popolazione generale dopo i 65 anni d’età e che 1 persona su 17 ne soffra, prima o poi, nel corso della vita. La percentuale sale al 50% nei soggetti anziani ospedalizzati o in RSA e si manifesta nel 40- 70% delle persone che hanno subito un ictus. Inoltre, nei pazienti con malattie neurologiche cronico-degenerative, come l’Alzheimer, il Parkinson, la demenza e la SLA, può comparire in percentuali comprese tra 20-80% dei casi. Al fine di ridurre i costi sociali e assistenziali, è fondamentale provvedere attivamente alla gestione della prevenzione, diagnosi precoce, attraverso un’accurata valutazione di dati anamnestici supportata da una valutazione oggettiva di tipo strumentale e/o clinico, nonché alla gestione continuativa ed accurata che prevenga eventuali esiti peggiorativi del quadro clinico. Le diverse professionalità che si alterneranno nella mattinata di studio rappresentano il team multi-specialistico che esprime tutte le competenze necessarie per la gestione della persona assistita con disfagia nei diversi contesti territoriali. Volendo fornire a ciascun partecipante elementi pratici di gestione della problematica che possano essere utilizzati da subito nel proprio contesto di attività è stata prevista una specifica sezione dedicata ad esercitazioni pratiche guidate dagli esperti presenti.

Destinatari

Infermieri, Infermieri pediatrici iscritti all'OPI di Bergamo che lavorano presso:
● Residenze Sanitarie per Anziani (RSA)
● Servizio dell'Infermiere di Famiglia e Comunità (IFeC)
● Centri Diurni
● Servizi di Assistenza Domiciliare Integrata (ADI)

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale
  • Discussione e confronto
  • Workshop a piccoli gruppi
Inizio evento Sabato 27 Novembre 2021 8:45
Termine evento Sabato 27 Novembre 2021 13:00
Data inizio iscrizioni 20-10-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 27-11-2021 0:00
Costo per persona La partecipazione è gratuita, riservata ai destinatari dell'iniziativa (vedi brochure).
Orario dettagliato 08.45 - 13.00
Destinatari vedi brochure
Crediti ECM 5,5
Allegato WBG0921TN2711 WBG0921TN1112.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

L'ETICA NELLA PRATICA ASSISTENZIALE INFERMIERISTICA: DAL CODICE DEONTOLOGICO AI SOCIAL MEDIA #OPI0221UD2511
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

La promulgazione del recente Codice deontologico dell’Infermiere è un’occasione importante per gli OPI italiani di incontro dei propri iscritti e confronto sulle tematiche etico-deontologiche che permeano l’esercizio della professione nei diversi contesti assistenziali, organizzativi, formativi, di ricerca. L’evento formativo rappresenta, per le motivazioni che verranno di seguito esposte, un esempio di approccio pragmatico alla bioetica, basato sull’analisi e discussione di casi realmente accaduti a valenza etica. L’analisi dei comportamenti dei professionisti coinvolti sarà condotta utilizzando le norme deontologiche contenute nel nuovo Codice; questo approccio è quello che meglio si presta per l’insegnamento di tali materie ai professionisti senior, e validato in letteratura. La domanda di ricerca che guiderà l’intero progetto formativo è la seguente: “Il codice deontologico dell’infermiere è in grado di fornire al professionista una valida guida alla presa di decisioni di fronte ai problemi etici che scaturiscono nella pratica quotidiana dell’assistere?”

Destinatari

  • Infermiere:
  • Infermiere Pediatrico:

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Giovedì 25 Novembre 2021 8:30
Termine evento Giovedì 25 Novembre 2021 16:00
Data inizio iscrizioni 26-10-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 25-11-2021 0:00
Costo per persona Iscritti OPI Udine: 10,00 | Iscritti altri OPI: € 30,00
Ore totali 6
Informazioni Aggiuntive L'accesso in aula è consentito soltanto se muniti di green pass valido.
Crediti ECM in fase di accreditamento
Luogo UDINE (UD) - BEST WESTERN HOTEL LÀ DI MORET
Allegato OPI0221UD2511.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE GLOBALE IN AMBITO PEDIATRICO #WTO0221TN2411
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE GLOBALE IN AMBITO PEDIATRICO. ASPETTI CLINICI COSTRUZIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI PROTOCOLLI DI VALUTAZIONE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Spesso nel Pronto Soccorso Generale, l’approccio ai pazienti in età pediatrica rappresenta per il triagista un contesto operativo al quale occorre dedicare particolare attenzione e richiede specifiche conoscenze e competenze. Il corso di approfondimento intende affrontare le problematiche relative a questi ambiti e fornire ai professionisti operanti presso i Pronto Soccorso generali strumenti adeguati per l’accoglienza, la valutazione e la gestione in triage di questa tipologia di pazienti. Al corso possono partecipare anche gli infermieri pediatrici e le ostetriche che trovandosi spesso a prendere in carico questa tipologia di pazienti possono trovare nell’esperienza formativa elementi utili a migliorare la competenza specifica, o meglio ancora che intendono partecipare al processo di definizione/revisione delle procedure di triage presso le proprie realtà operative.

2. PILLOLE DI TRIAGE GLOBALE
(modulo FAD)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. E' un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano. IL corso propone una serie di microlezioni, le “pillole”, sugli aspetti essenziali del triage infermieristico in Pronto Soccorso; l’iniziativa formativa può rappresentare un occasione per chi vuole accostarsi per la prima volta a questo particolare specifico operativo per conoscerne i principi scientifici, oppure può essere valida occasione di retraining per chi ha già effettuato una formazione specifica sulla argomento e desidera rinforzare le sue conoscenze sul modello globale. La proposta di alcuni casi clinici simulati permetterà anche di sperimentare in maniera simulata il processo di triage previsto dal triage globale.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage pediatrico: saranno erogati 21 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Mercoledì 24 Novembre 2021 15:00
Termine evento Martedì 30 Novembre 2021 13:00
Data inizio iscrizioni 02-08-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 24-11-2021 0:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 21
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage pediatrico.
Crediti ECM 21
Allegato WTO0221TN2411.pdf

Iscrizioni concluse

NURSING DEI DISPOSITIVI VASCOLARI PERIFERICI MIDLINE E CENTRALI AD ACCESSO PERIFERICO PICC #WNA0121TN1811
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Il corso è dedicato ai professionisti infermieri ed ha lo scopo di consentire un approfondimento e un perfezionamento delle conoscenze nel campo della gestione degli accessi venosi, in tutte le loro implicazioni cliniche, assistenziali e di nursing.

Destinatari

  • Infermieri: 5 crediti ECM
  • Infermieri pediatrici: 5 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Giovedì 18 Novembre 2021 13:00
Termine evento Giovedì 18 Novembre 2021 18:00
Data inizio iscrizioni 07-10-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 18-11-2021 0:00
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 24
Orario dettagliato vedi brochure
Destinatari Infermieri, Infermieri pediatrici
Crediti ECM 24
Allegato WNA0121TN1811.pdf

Iscrizioni concluse

RETRAINING SUL TRIAGE GLOBALE ED AGGIORNAMENTO SULLE NUOVE LINEE GUIDA #GFT1821RN1811
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding. Questo corso, oltre a costituire un importante occasione formativa di retraining sulla metodologia del Triage Globale (modello indicato dalle linee di indirizzo 2019 come adeguato per le realtà italiane), offre momenti di confronto tra i vari professionisti sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura. La dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, seguiti da esercitazioni sul nuovo sistema di codifica a 5 livelli di priorità, permetterà l’acquisizione di competenza su questi importanti specifiche questioni.

Destinatari

  • Infermiere: 9 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 9 crediti ECM
  • Medico Chirurgo Tutte Le Discipline: 9 crediti ECM
  • Ostetrica/o: 9 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezioni frontali ed interattive
  • Lavori di gruppo
  • Casi clinici simulati
  • Discussioni guidate
  • Role play
Inizio evento Giovedì 18 Novembre 2021 8:30
Termine evento Giovedì 18 Novembre 2021 18:00
Data inizio iscrizioni 09-07-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 18-11-2021 0:00
Costo per persona vedi brochure
Luogo RIMINI (RN) - HOTEL LITORANEO -
Allegato GFT1821RN1811.pdf

Iscrizioni concluse

LE HEALTHCARE-ASSOCIATED INFECTIONS #OPI0121UD1711
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Le infezioni associate all’assistenza, note come Healthcare Associates Infections (HAI), sono infezioni acquisite dai pazienti durante la loro permanenza nei setting di cura ospedalieri o territoriali. Tali infezioni possono determinare esiti negativi sui pazienti, da un peggioramento delle condizioni di salute e un prolungamento dei tempi di degenza sino ad un aumento della mortalità. Le principali infezioni correlate all’assistenza sono a carico di: tratto respiratorio, tratto urinario, ferite chirurgiche e infezioni ematiche associate ai dispositivi endovenosi. L’obiettivo di questo ciclo di incontri formativi si pone come finalità la conoscenza delle principali HAI a partire da un approfondimento relativo alla eziologia delle infezioni e alle conseguenze delle stesse sullo stato di salute dei pazienti sino all’approfondimento delle raccomandazioni per l’infermieristica atte a ridurre la loro insorgenza in ambito sanitario e delle principali reti e modalità di sorveglianza/monitoraggio locali e regionali.

Destinatari

  • Infermiere: 3 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 3 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Mercoledì 17 Novembre 2021 15:00
Termine evento Mercoledì 17 Novembre 2021 18:00
Costo per persona Iscritti OPI Udine: 10,00 | Iscritti altri OPI: € 30,00
Informazioni Aggiuntive L'accesso in aula è consentito soltanto se muniti di green pass valido.
Luogo UDINE (UD) - Enaip FVG - Centro Servizi Formativi di Pasian di Prato
Allegato OPI0121UD1210.pdf

Iscrizioni concluse

BERGAMO: PRIMA E DOPO. COSA È CAMBIATO IN NOI E ATTORNO A NOI #WBG0821TN1111
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Il lavoro narrativo che questo corso propone è finalizzato a facilitare l’elaborazione di una esperienza di particolare intensità e impatto emotivo, che gli infermieri hanno vissuto nel corso della pandemia. Per essere elaborato, ma soprattutto per diventare fonte di apprendimento anche in futuro, il ricordo di quella esperienza deve essere condiviso e ripensato all’interno di un gruppo, utilizzando un metodo narrativo ma con un obiettivo che non è la semplice produzione di storie: dare senso ai ricordi, far emergere aspetti dell’esperienza vissuta che la memoria ha scartato o messo in secondo piano, confrontare emozioni diverse per scoprire tutta la gamma delle reazioni emotive possibili di fronte allo stesso evento può avere un grandissimo valore formativo, migliora la capacità di ascolto di se stessi e degli altri, e riduce il rischio che l’esperienza lasci in chi l’ha vissuta segni più o meno profondi di sofferenza e stress.

Destinatari

  • Infermieri: 24 crediti ECM
  • Infermieri pediatrici: 24 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Giovedì 11 Novembre 2021 9:00
Termine evento Mercoledì 23 Febbraio 2022 13:00
Data inizio iscrizioni 16-09-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 11-11-2021 0:00
Costo per persona Iscritti OPI Bergamo: € 25,00 / Iscritti altri Ordini: € 50,00
Ore totali 24
Orario dettagliato vedi brochure
Destinatari Infermieri, Infermieri pediatrici
Crediti ECM 24
Allegato WBG0821TN1111.pdf

Iscrizioni concluse

PSICOPATOLOGIA GRAVE E VULNERABILITÀ ALLA PSICOSI #WSP0921TN3010
Finalità
Didattica

Finalità

Interrogarsi sullo sviluppo della psicosi significa esplorare e individuare i precursori infantili e adolescenziali della malattia e riflettere sugli aspetti problematici attorno a cui si gioca il processo terapeutico, che con questi pazienti risulta di per sé complesso e difficile. L’individuazione e lo studio delle fasi prodromiche della psicosi risultano centrali per contenere e evitare un eventuale break down e affinare nuove tecniche di cura e d’intervento psicoterapico./switcher_item]

Destinatari

Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Sabato 30 Ottobre 2021 9:15
Termine evento Sabato 30 Ottobre 2021 17:00
Data inizio iscrizioni 07-10-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 13-11-2021 0:00
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 6
Orario dettagliato vedi brochure
Destinatari Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia.
Crediti ECM in fase di accreditamento
Allegato WSP0921TN3010.pdf

Iscrizioni concluse

LE INFEZIONI E LA MALATTIA INFETTIVA #OPI0121UD1210
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Le infezioni associate all’assistenza, note come Healthcare Associates Infections (HAI), sono infezioni acquisite dai pazienti durante la loro permanenza nei setting di cura ospedalieri o territoriali. Tali infezioni possono determinare esiti negativi sui pazienti, da un peggioramento delle condizioni di salute e un prolungamento dei tempi di degenza sino ad un aumento della mortalità. Le principali infezioni correlate all’assistenza sono a carico di: tratto respiratorio, tratto urinario, ferite chirurgiche e infezioni ematiche associate ai dispositivi endovenosi. L’obiettivo di questo ciclo di incontri formativi si pone come finalità la conoscenza delle principali HAI a partire da un approfondimento relativo alla eziologia delle infezioni e alle conseguenze delle stesse sullo stato di salute dei pazienti sino all’approfondimento delle raccomandazioni per l’infermieristica atte a ridurre la loro insorgenza in ambito sanitario e delle principali reti e modalità di sorveglianza/monitoraggio locali e regionali.

Destinatari

  • Infermiere: 3 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 3 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
Inizio evento Martedì 12 Ottobre 2021 15:00
Termine evento Martedì 12 Ottobre 2021 18:00
Chiusura iscrizioni Martedì 12 Ottobre 2021 18:00
Costo per persona Iscritti OPI Udine: 10,00 | Iscritti altri OPI: € 30,00
Informazioni Aggiuntive L'accesso in aula è consentito soltanto se muniti di green pass valido.
Luogo UDINE (UD) - Enaip FVG - Centro Servizi Formativi di Pasian di Prato
Allegato OPI0121UD1210.pdf

Iscrizioni concluse

IL TRIAGE GLOBALE IN PRONTO SOCCORSO - CORSO BASE ABILITANTE #GFT1521RN1110
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Il corso è organizzato dal "G.F.T. «Gruppo per la Formazione al Triage", associazione che ha per scopo la formazione al Triage del personale infermieristico e medico che opera nell'ambito del Pronto Soccorso e si propone come "luogo di condivisione" delle esperienze specifiche. Il corso pone le basi per attuare una completa e corretta valutazione del paziente secondo i criteri del Triage Globale e gestire situazioni che possono presentarsi al triage. Le competenze acquisite attraverso il corso sono indispensabili per l’attività di triage nei Pronto Soccorso generali e specialistici e si pongono come solida base per gli ulteriori approfondimenti monotematici specialistici. Il corso vuole fornire elementi utili a svolgere la funzione di Triage come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso, in base a criteri definiti e diffusamente accettati, che consentano di stabilire la priorità di intervento (Linee Guida sul Sistema di Emergenza Sanitaria, Atto d’Intesa Stato Regioni, Maggio 1996) e secondo l’Atto di Intesa tra Ministero della Salute e Conferenza Stato Regioni di cui alla G.U. 285 del 7 dicembre 2001. Il corso è diretto ad infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici
che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.

Destinatari

  • Infermiere: 30 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 30 crediti ECM
  • Medico Chirurgo Tutte Le Discipline: 30 crediti ECM
  • Ostetrica/o: 30 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezioni frontali ed interattive
  • Lavori di gruppo
  • Casi clinici simulati
  • Discussioni guidate
  • Role play
Inizio evento Lunedì 11 Ottobre 2021 8:30
Termine evento Mercoledì 13 Ottobre 2021 17:00
Data inizio iscrizioni 01-07-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 11-10-2021 0:00
Costo per persona vedi brochure
Orario dettagliato vedi brochure
Luogo RIMINI (RN) - HOTEL LITORANEO -
Allegato GFT1521RN1110.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO BASE ABILITANTE #PROGETTO TRIAGE #WTO0121TN2409
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Il corso è organizzato dal "G.F.T. «Gruppo Formazione al Triage", società scientifica che ha per scopo la formazione al Triage del personale infermieristico e medico che opera nell'ambito del Pronto Soccorso e si propone come "luogo di condivisione" delle esperienze specifiche. Il corso pone le basi per attuare una completa e corretta valutazione del paziente secondo i criteri del Triage Globale e gestire situazioni che possono presentarsi al triage. Le competenze acquisite attraverso il corso sono indispensabili per l’attività di triage nei Pronto Soccorso generali e specialistici e si pongono come solida base per gli ulteriori approfondimenti monotematici specialistici.
Il corso vuole fornire elementi utili a svolgere la funzione di Triage come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso, in base a criteri definiti e diffusamente accettati, che consentano di stabilire la priorità di intervento Quanto realizzato è in linea con le attuali disposizioni normative e le attuali evidenze scientifiche (Linee Guida sul Sistema di Emergenza Sanitaria, Atto d’Intesa Stato Regioni, Maggio 1996, Atto di Intesa tra Ministero della Salute e Conferenza Stato Regioni di cui alla G.U. 285 del 7 dicembre 2001, Linee di Indirizzo Per il Triage di Pronto Soccorso pubblicate sul sito del ministero della salute nel 2019).
Considerata l’impossibilità di realizzare eventi formativi residenziali in seguito all’emergenza COVID 19 ed alle attuali norme anticontagio, si realizzeranno incontri webinar tra i docenti e l’intero gruppo di discenti realizzando lezioni frontali e momenti di discussione in plenaria alternati a lavori a piccoli gruppi su casi clinici simulati ed applicazione del sistema di valutazione ed assegnazione del codice di priorità a 5 livelli numerici.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 80 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Venerdì 24 Settembre 2021 15:00
Termine evento Mercoledì 6 Ottobre 2021 20:00
Data inizio iscrizioni 01-07-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 24-09-2021 0:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 80
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 80
Allegato WTO0121TN2409.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

AUTISMO: TRATTARE CON CURA #AIT0221TN2409
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Approfondire conoscenze teoriche sul funzionamento autistico al fine di implementare le competenze del personale tecnico riabilitativo dei servizi pubblici e privati per  promuovere la cultura della neuro diversità come necessaria e urgente possibilità di inclusione.

Destinatari

  • Tecnici di riabilitazione psichiatrica: saranno erogati 7 crediti ECM

Metodologia Didattica

Formazione in modalità webinar.

Inizio evento Venerdì 24 Settembre 2021 9:00
Termine evento Venerdì 24 Settembre 2021 17:30
Data inizio iscrizioni 09-08-2021 0:00
Chiusura iscrizioni 24-09-2021 0:00
Costo per persona Corso di formazione organizzato da AITeRP Lombardia. La partecipazione è gratuita, riservata agli iscritti AITeRP.
Ore totali 7
Orario dettagliato 24/09/2021: 09.30/13.00 - 14.00/17.30
Informazioni Aggiuntive Posti disponibili: 50
Destinatari Tecnici di riabilitazione psichiatrica
Crediti ECM 7
Allegato brochure in fase di definizione.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE GLOBALE IN AMBITO PEDIATRICO #WTO0221TN1406
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE GLOBALE IN AMBITO PEDIATRICO. ASPETTI CLINICI COSTRUZIONE ED ORGANIZZAZIONE DEI PROTOCOLLI DI VALUTAZIONE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Spesso nel Pronto Soccorso Generale, l’approccio ai pazienti in età pediatrica rappresenta per il triagista un contesto operativo al quale occorre dedicare particolare attenzione e richiede specifiche conoscenze e competenze. Il corso di approfondimento intende affrontare le problematiche relative a questi ambiti e fornire ai professionisti operanti presso i Pronto Soccorso generali strumenti adeguati per l’accoglienza, la valutazione e la gestione in triage di questa tipologia di pazienti. Al corso possono partecipare anche gli infermieri pediatrici e le ostetriche che trovandosi spesso a prendere in carico questa tipologia di pazienti possono trovare nell’esperienza formativa elementi utili a migliorare la competenza specifica, o meglio ancora che intendono partecipare al processo di definizione/revisione delle procedure di triage presso le proprie realtà operative.

2. PILLOLE DI TRIAGE GLOBALE
(modulo FAD)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. E' un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano. IL corso propone una serie di microlezioni, le “pillole”, sugli aspetti essenziali del triage infermieristico in Pronto Soccorso; l’iniziativa formativa può rappresentare un occasione per chi vuole accostarsi per la prima volta a questo particolare specifico operativo per conoscerne i principi scientifici, oppure può essere valida occasione di retraining per chi ha già effettuato una formazione specifica sulla argomento e desidera rinforzare le sue conoscenze sul modello globale. La proposta di alcuni casi clinici simulati permetterà anche di sperimentare in maniera simulata il processo di triage previsto dal triage globale.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage pediatrico: saranno erogati 21 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Lunedì 14 Giugno 2021 15:00
Termine evento Sabato 19 Giugno 2021 19:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 21
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage pediatrico.
Crediti ECM 21
Allegato WTO0221TN1406.pdf

Iscrizioni concluse

FISIOTERAPIA TRA AZIENDA E TERRITORIO #WVA0121TN2905
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

L'iniziativa mira a fornire uno sguardo sulle offerte dei servizi riabilitativi Sistema Sanitario e Sociosanitario Lombardo. La volontà è  quella di permettere spunti di riflessione sulle strategie, i processi e i paradigmi attuali e confrontarli con percorsi sia implementati, sia innovativi per soddisfare i tanti bisogni di salute dei cittadini. Durante l'evento verranno affrontati i temi attuali di sanità di iniziativa e di prossimità, la sua sostenibilità e la sua appropriatezza.

Destinatari

  • Fisioterapisti: 4 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Discussione
Inizio evento Sabato 29 Maggio 2021 9:00
Termine evento Sabato 29 Maggio 2021 13:00
Chiusura iscrizioni 29-05-2021 0:00
Costo per persona La partecipazione è gratuita, riservata agli iscritti fisioterapisti di Cremona e Varese
Ore totali 4
Orario dettagliato 29/05 dalle 09.00 alle 13.00
Allegato WVA0121TN2905.pdf

Iscrizioni concluse

VIOLENZA DI GENERE. FORME, DIMENSIONI, LINEE GUIDA #WEB1921TN1305
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Secondo l'OMS la violenza contro le donne rappresenta, oltre che un fenomeno sociale, un problema di salute di enormi proporzioni. Gli abusi fisici e psicologici colpiscono oltre il 35% delle donne del mondo e le conseguenze sulla loro vita e sulla loro salute possono portare a problemi cronici.

Destinatari

  • Tutte le professioni sanitarie: saranno erogati 4 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale
  • Analisi e discussione di casi e problemi
Inizio evento Giovedì 13 Maggio 2021 9:00
Termine evento Giovedì 13 Maggio 2021 13:00
Costo per persona 35,00 €
Ore totali 4
Orario dettagliato 13/05/2021:
dalle 09.00 alle 13.00
Allegato WEB1921TN1305.pdf

Iscrizioni concluse

H.S. SULLIVAN. DALLA TEORIA INTERPERSONALE AL PRIMO COLLOQUIO #WSP0721TN1205
Finalità
Didattica

Finalità

Lavorare in campo psicoterapeuticopsicoanalitico comporta uno sforzo di formazione permanente che solo pochi centri di formazione post-diploma sono in grado di offrire e questa é la nostra sfida./switcher_item]

Destinatari

  • Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia: 3 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Mercoledì 12 Maggio 2021 19:30
Termine evento Lunedì 12 Aprile 2021 22:30
Costo per persona vedi brochure
Ore totali 3
Orario dettagliato vedi brochure
Destinatari Psichiatri, Psicologi con specializzazione in psicoterapia.
Crediti ECM 3
Allegato WSP0721TN1205.pdf

Iscrizioni concluse

LA LETTURA AD ALTA VOCE NELLA PRIMA INFANZIA #WDG0121TN0705
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

La lettura ad alta voce rappresenta uno stimolo prezioso per lo sviluppo del bambino ed è ormai inclusa a pieno titolo tra le strategie per promuovere il benessere, la salute e l’inclusione sociale. L’American Academy of Pediatrics (2014) e l’Istituto Superiore di Sanità (Progetto di Sorveglianza 0-2 anni, 2016), annoverano la lettura ad alta voce tra i determinanti di salute nella prima infanzia. Il corso si prefigge di promuovere l’esposizione alla lettura in età prescolare, a supporto della maturazione cognitiva e affettiva, con una particolare attenzione alle prime fasi della vita e alle situazioni di rischio evolutivo. Verranno presentate le esperienze maturate con bambini a sviluppo tipico e atipico, genitori, operatori socio-sanitari e insegnanti nel corso del progetto “Le. Pre: Leggimi presto, leggimi con”, finanziato da CePeLL (Centro per il Libro e la Lettura) attraverso il Programma Leggimi 0-6, frutto della collaborazione tra Fondazione Don Gnocchi e importanti istituzioni pubbliche e private.

Destinatari

  • Medici pediatri e neuropsichiatri infantili: 2,1 crediti ECM
  • Infermieri, Infermieri pediatrici: 2,1 crediti ECM
  • Fisioterapisti: 2,1 crediti ECM
  • Logopedisti: 2,1 crediti ECM
  • Terapisti della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva: 2,1 crediti ECM
  • Educatori: 2,1 crediti ECM
  • Psicologi: 2,1 crediti ECM
  • Insegnanti, operatori dell’infanzia, genitori

Metodologia Didattica

  • Confronto/dibattito
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Venerdì 7 Maggio 2021 15:00
Termine evento Venerdì 7 Maggio 2021 18:00
Costo per persona La partecipazione è gratuita.
Allegato WDG0121TN0705.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO BASE ABILITANTE #PROGETTO TRIAGE #WTO0121TN0305
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Il corso è organizzato dal "G.F.T. «Gruppo Formazione al Triage", società scientifica che ha per scopo la formazione al Triage del personale infermieristico e medico che opera nell'ambito del Pronto Soccorso e si propone come "luogo di condivisione" delle esperienze specifiche. Il corso pone le basi per attuare una completa e corretta valutazione del paziente secondo i criteri del Triage Globale e gestire situazioni che possono presentarsi al triage. Le competenze acquisite attraverso il corso sono indispensabili per l’attività di triage nei Pronto Soccorso generali e specialistici e si pongono come solida base per gli ulteriori approfondimenti monotematici specialistici.
Il corso vuole fornire elementi utili a svolgere la funzione di Triage come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso, in base a criteri definiti e diffusamente accettati, che consentano di stabilire la priorità di intervento Quanto realizzato è in linea con le attuali disposizioni normative e le attuali evidenze scientifiche (Linee Guida sul Sistema di Emergenza Sanitaria, Atto d’Intesa Stato Regioni, Maggio 1996, Atto di Intesa tra Ministero della Salute e Conferenza Stato Regioni di cui alla G.U. 285 del 7 dicembre 2001, Linee di Indirizzo Per il Triage di Pronto Soccorso pubblicate sul sito del ministero della salute nel 2019).
Considerata l’impossibilità di realizzare eventi formativi residenziali in seguito all’emergenza COVID 19 ed alle attuali norme anticontagio, si realizzeranno incontri webinar tra i docenti e l’intero gruppo di discenti realizzando lezioni frontali e momenti di discussione in plenaria alternati a lavori a piccoli gruppi su casi clinici simulati ed applicazione del sistema di valutazione ed assegnazione del codice di priorità a 5 livelli numerici.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 80 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Lunedì 3 Maggio 2021 15:00
Termine evento Sabato 15 Maggio 2021 20:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 80
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 80
Allegato WTO0121TN0305.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

IL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO E IL DISTURBO OSSESSIVO COMPULSIVO DI PERSONALITÀ #WEB4721TN3004
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Il Disturbo Ossessivo Compulsivo, anche conosciuto con l’acronimo di DOC, rappresenta una patologia molto frequente, soprattutto, a partire dalla prima età adulta. Fino a poco tempo fa, esso rientrava nell’ampia categoria dei disturbi d’ansia; oggi, invece, ha ottenuto una sua autonomia, essendo considerato un disturbo indipendente e a sé stante. Il Disturbo Ossessivo Compulsivo di Personalità (DOCP), pur portando lo stesso nome, rappresenta, invece, un’altra tipologia di disturbo. Esso rientra, infatti, tra i Disturbi di Personalità e, quindi, in quello che nel precedente DSM, era l’Asse II. Essendo un disturbo di personalità, esso si caratterizza per l’egosintonia dei sintomi a differenza del DOC che ha un carattere assolutamente egodistonico. E’ molto importante, anche ai fini del trattamento, distinguere le due condizioni e porre, quindi, un’attenta a specifica diagnosi differenziale. Il DOC e il DOCP possono, però, anche presentarsi insieme e quindi in comorbidità; nell’ultimo modulo del webinar si esaminerà un caso clinico in cui vi è appunto una comorbidità tra le due condizioni. Nei moduli iniziali ci si concentrerà, invece, sulla descrizione dettagliata di entrambe le condizioni e sulla diagnosi differenziale.

Destinatari

  • Psicologi e/o psicologi psicoterapeuti intenzionati ad approfondire ed acquisire ulteriori conoscenze nell’ambito del Disturbo Ossessivo Compulsivo e del Disturbo Ossessivo Compulsivo di Personalità: 4 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Venerdì 30 Aprile 2021 15:00
Termine evento Venerdì 30 Aprile 2021 19:00
Costo per persona 35,00 €
Ore totali 4
Orario dettagliato vedi brochure
Allegato WEB4721TN3004.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO RETRAINING #WTO0321TN2404_PM
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. PILLOLE DI TRIAGE GLOBALE
(modulo FAD)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. E' un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i
pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
IL corso propone una serie di microlezioni, le “pillole”, sugli aspetti essenziali del triage infermieristico in Pronto Soccorso; l’iniziativa formativa può rappresentare un occasione per chi vuole accostarsi per la prima volta a questo particolare specifico operativo per conoscerne i principi scientifici, oppure può essere valida occasione di retraining per chi ha già effettuato una formazione specifica sulla argomento e desidera rinforzare le sue conoscenze sul modello globale. La proposta di alcuni casi clinici simulati permetterà anche di sperimentare in maniera simulata il processo di triage
previsto dal triage globale.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. RETRAINING SUL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione,
l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità
professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding. Questo corso, oltre a costituire un importante occasione formativa di retraining sulla metodologia del Triage Globale (modello indicato dalle linee di indirizzo 2019 come adeguato per le realtà italiane), offre momenti di confronto tra i vari professionisti sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura. La dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti
essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, seguiti da esercitazioni sul nuovo sistema di codifica a 5 livelli.

4. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 64 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Sabato 24 Aprile 2021 14:00
Termine evento Sabato 24 Aprile 2021 18:00
Costo per persona Evento formativo riservato
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 64
Allegato WTO0321TN2404.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO RETRAINING #WTO0321TN2404_AM
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. PILLOLE DI TRIAGE GLOBALE
(modulo FAD)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. E' un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i
pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
IL corso propone una serie di microlezioni, le “pillole”, sugli aspetti essenziali del triage infermieristico in Pronto Soccorso; l’iniziativa formativa può rappresentare un occasione per chi vuole accostarsi per la prima volta a questo particolare specifico operativo per conoscerne i principi scientifici, oppure può essere valida occasione di retraining per chi ha già effettuato una formazione specifica sulla argomento e desidera rinforzare le sue conoscenze sul modello globale. La proposta di alcuni casi clinici simulati permetterà anche di sperimentare in maniera simulata il processo di triage
previsto dal triage globale.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. RETRAINING SUL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione,
l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità
professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding. Questo corso, oltre a costituire un importante occasione formativa di retraining sulla metodologia del Triage Globale (modello indicato dalle linee di indirizzo 2019 come adeguato per le realtà italiane), offre momenti di confronto tra i vari professionisti sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura. La dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti
essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, seguiti da esercitazioni sul nuovo sistema di codifica a 5 livelli.

4. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 64 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Sabato 24 Aprile 2021 9:00
Termine evento Sabato 24 Aprile 2021 13:00
Costo per persona Evento formativo riservato
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 64
Allegato WTO0321TN2404.pdf

Iscrizioni concluse

IL CODICE DEONTOLOGICO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE 2019 #WBG0721TN2204
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Dopo dieci anni dalla versione del 2009, il Codice Deontologico si rinnova per rispondere ai cambiamenti socioculturali, legislativi, sanitari che hanno visto la professione crescere, adattarsi e ancor di più prevenire le necessità emergenti di una popolazione con bisogni mutati e con nuove responsabilità, anche legate al passaggio da Collegi a Ordini, ora enti sussidiari dello Stato in nome e per conto del quale si tutelano cittadini e professionisti. Il Codice Deontologico delle Professioni Infermieristiche rappresenta la congiunzione delle due anime della professione: la scienza rappresentata dallo specifico disciplinare e la coscienza che rappresenta la componente etica della professione. Il Codice deontologico prima ancora di determinare come agire esplicita come essere, nei confronti delle persone sane e assistite, dei colleghi, delle istituzioni e delle altre professioni, mantenendo il focus sull’assistenza ad ogni livello. Data l’importanza specifica di questo documento inserito nel campo proprio della Professione Infermieristica che è guida e sostegno nel quotidiano ad ogni singolo Infermiere, quest’anno causa forza maggiore Pandemia COVID-19, la progettazione di eventi di mezza giornata nelle ASST ed RSA maggiori della nostra provincia si condensano in un unico evento Webinar per poter comunque diffondere in modo capillare i contenuti dello stesso. L’evento organizzato in Webinar consente di poter coinvolgere i partecipanti, attraverso l’applicativo MENTIMETER, di poter partecipare al sondaggio relativo alla preferenza di argomento di carattere etico/deontologico che ciascun partecipante vorrebbe sviluppare in un corso avanzato sul Codice Deontologico. Questa opportunità consente, ad un gruppo rappresentativo degli iscritti all’O.P.I. di Bergamo, di poter esprimere il fabbisogno formativo in questo specifico ambito. Questo contributo costituisce le fondamenta del percorso formativo avanzato relativo al Codice Deontologico 2019.

Destinatari

  • Infermieri: previsti 4 crediti ECM
  • Infermieri pediatrici: previsti 4 crediti ECM

Metodologia Didattica

Webinar. Durante il corso è possibile fare domande al docente, tramite l'invio di messaggi in chat oppure intervenendo direttamente in collegamento audio video.

Inizio evento Giovedì 22 Aprile 2021 8:30
Termine evento Giovedì 22 Aprile 2021 12:30
Costo per persona La partecipazione è riservata agli iscritti all'OPI di Bergamo.
Ore totali 4:00
Destinatari Infermieri, Infermieri pediatrici
Crediti ECM 4
Allegato WBG0721TN2204.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO BASE ABILITANTE #PROGETTO TRIAGE #WTO0121TN1904
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Il corso è organizzato dal "G.F.T. «Gruppo Formazione al Triage", società scientifica che ha per scopo la formazione al Triage del personale infermieristico e medico che opera nell'ambito del Pronto Soccorso e si propone come "luogo di condivisione" delle esperienze specifiche. Il corso pone le basi per attuare una completa e corretta valutazione del paziente secondo i criteri del Triage Globale e gestire situazioni che possono presentarsi al triage. Le competenze acquisite attraverso il corso sono indispensabili per l’attività di triage nei Pronto Soccorso generali e specialistici e si pongono come solida base per gli ulteriori approfondimenti monotematici specialistici.
Il corso vuole fornire elementi utili a svolgere la funzione di Triage come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso, in base a criteri definiti e diffusamente accettati, che consentano di stabilire la priorità di intervento Quanto realizzato è in linea con le attuali disposizioni normative e le attuali evidenze scientifiche (Linee Guida sul Sistema di Emergenza Sanitaria, Atto d’Intesa Stato Regioni, Maggio 1996, Atto di Intesa tra Ministero della Salute e Conferenza Stato Regioni di cui alla G.U. 285 del 7 dicembre 2001, Linee di Indirizzo Per il Triage di Pronto Soccorso pubblicate sul sito del ministero della salute nel 2019).
Considerata l’impossibilità di realizzare eventi formativi residenziali in seguito all’emergenza COVID 19 ed alle attuali norme anticontagio, si realizzeranno incontri webinar tra i docenti e l’intero gruppo di discenti realizzando lezioni frontali e momenti di discussione in plenaria alternati a lavori a piccoli gruppi su casi clinici simulati ed applicazione del sistema di valutazione ed assegnazione del codice di priorità a 5 livelli numerici.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 80 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Lunedì 19 Aprile 2021 15:00
Termine evento Venerdì 30 Aprile 2021 20:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 80
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 80
Allegato WTO0121TN1904.pdf

Sorry, the event is now full and we could not accept more registration

IL DIALOGO PERSUASIVO: SAPER COMUNICARE PER RAGGIUNGERE I NOSTRI OBIETTIVI #WUD0121TN1304
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

Ogni comunicazione implica un contenuto, ma soprattutto implica una relazione con il destinatario del contenuto stesso. Si può dire che una buona comunicazione dipenda da una buona relazione con le persone a cui ci rivolgiamo e dalla nostra padronanza delle tecniche del dialogo persuasivo.
Partendo dalla comprensione di alcuni meccanismi che regolano la comunicazione e le interazioni sociali, durante il percorso si analizzeranno le strategie più opportune per affinare la capacità di capire e di farsi capire, rimanendo ancorati ai nostri obiettivi.

Destinatari

  • Infermiere: 16 crediti ECM
  • Infermiere Pediatrico: 16 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Analisi e discussione di casi e problemi
  • Confronto/dibattito
  • Lezione frontale in modalità webinar
Inizio evento Martedì 13 Aprile 2021 14:00
Termine evento Martedì 4 Maggio 2021 18:30
Costo per persona Iscritti OPI Udine: € 20,00 / Iscritti altri OPI: € 40,00
Orario dettagliato vedi brochure
Allegato WUD0121TN1304.pdf

Iscrizioni concluse

TRIAGE INFERMIERISTICO DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE. CORSO BASE ABILITANTE #PROGETTO TRIAGE #WTO0121TN1204
Finalità
Destinatari
Didattica

Finalità

1. IL TRIAGE DI PRONTO SOCCORSO SECONDO IL MODELLO GLOBALE
(modulo WEBINAR in videoconferenza interattiva)

Il corso è organizzato dal "G.F.T. «Gruppo Formazione al Triage", società scientifica che ha per scopo la formazione al Triage del personale infermieristico e medico che opera nell'ambito del Pronto Soccorso e si propone come "luogo di condivisione" delle esperienze specifiche. Il corso pone le basi per attuare una completa e corretta valutazione del paziente secondo i criteri del Triage Globale e gestire situazioni che possono presentarsi al triage. Le competenze acquisite attraverso il corso sono indispensabili per l’attività di triage nei Pronto Soccorso generali e specialistici e si pongono come solida base per gli ulteriori approfondimenti monotematici specialistici.
Il corso vuole fornire elementi utili a svolgere la funzione di Triage come primo momento di accoglienza e valutazione dei pazienti che afferiscono al Pronto Soccorso, in base a criteri definiti e diffusamente accettati, che consentano di stabilire la priorità di intervento Quanto realizzato è in linea con le attuali disposizioni normative e le attuali evidenze scientifiche (Linee Guida sul Sistema di Emergenza Sanitaria, Atto d’Intesa Stato Regioni, Maggio 1996, Atto di Intesa tra Ministero della Salute e Conferenza Stato Regioni di cui alla G.U. 285 del 7 dicembre 2001, Linee di Indirizzo Per il Triage di Pronto Soccorso pubblicate sul sito del ministero della salute nel 2019).
Considerata l’impossibilità di realizzare eventi formativi residenziali in seguito all’emergenza COVID 19 ed alle attuali norme anticontagio, si realizzeranno incontri webinar tra i docenti e l’intero gruppo di discenti realizzando lezioni frontali e momenti di discussione in plenaria alternati a lavori a piccoli gruppi su casi clinici simulati ed applicazione del sistema di valutazione ed assegnazione del codice di priorità a 5 livelli numerici.

2. LINEE GUIDA TRIAGE, OBI E SVILUPPO DEL PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PRONTO SOCCORSO
(modulo FAD)

L’evoluzione del Triage in Pronto Soccorso da quel primo DPR 27 Marzo 1992 è stata progressiva e continua, crescendo di pari passo con l’evoluzione della professione infermieristica. L’atto d’intesa Stato Regioni del 1996 ha posto le basi per lo sviluppo di modelli di triage per lo più ancora sconosciuti in Italia in quel periodo. Le Linee Guida emanate nel 2001 che rappresentato un punto di svolta nel miglioramento del sistema di Triage infermieristico definiscono importanti aspetti di questa funzione e ancor oggi costituiscono un valido riferimento. Negli ultimi anni, con il progressivo sviluppo delle metodologie di valutazione, l’insorgenza di nuovi bisogni di salute, il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento della complessità dei pazienti, è emersa la necessità di ridefinire nel dettaglio le modalità di triage, promuovendo la realizzazione di un modello uniforme e condiviso a livello nazionale. A questo si aggiunge la necessità di ridefinire il ruolo del professionista infermiere che svolge la funzione di triage e specificare criteri per un percorso formativo rigoroso. Nascono così queste nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero, approvate dalla Conferenza Stato Regione il 1/9/2019 e pubblicate sul sito del Ministero della Salute che esprimono la volontà della comunità professionale e delle istituzioni di indicare soluzioni organizzative funzionali alla gestione delle emergenze, orientate ai nuovi bisogni di salute della popolazione e in linea con le evidenze scientifiche più recenti. Contestualmente alle linee guida per il triage nascono anche quelle per l’OBI, con l’obiettivo di dare modalità uniformi per migliorare i processi di presa in carico in tempi brevi e l’appropriatezza dei ricoveri ospedalieri. Contemporaneamente a questi documenti sono state anche formulate le linee di indirizzo per lo sviluppo del piano di gestione del Sovraffollamento dei PS, che hanno l’obiettivo di suggerire strategie per la rilevazione e la gestione dei momenti di Overcrowding.
Questo corso offre una dettagliata descrizione di quanto contenuto nelle nuove linee di indirizzo sul triage intraospedaliero 2019, dei punti essenziali dei documenti OBI e piano per il sovraffollamento, eseguita da due infermieri esperti di triage infermieristico in PS e di pronto soccorso, proponendo anche alcune riflessioni sulle reali difficoltà ad applicare nel concreto delle realtà operative quanto previsto in letteratura.
Si tratta di un corso FAD che ciascun discente può effettuare singolarmente in tempi compatibili con le proprie esigenze, che fornisce competenze com0lementari a quanto appreso nel corso base relative agli ultimi recenti pronunciamenti ministeriali su TRIAGE, OBI e PIANO DI GESTIONE DEL SOVRAFFOLLAMENTO IN PS.

3. TRIAGE INFERMIERISTICO
(modulo FAD con libro)

L'attività di triage infermieristico rappresenta un momento fondamentale per ben indirizzare il percorso in rapporto ai bisogni del paziente. È un'attività che è divenuta via via più complessa perché è l'attività di ogni Pronto Soccorso a essere divenuta più complessa, così come lo sono diventati tutti i percorsi di ingresso ed uscita dei pazienti. Il Pronto Soccorso è una struttura in cui, oltre ad affrontare l'emergenza, si risolvono situazioni di ogni tipo: solamente attraverso un lavoro multidisciplinare è possibile integrare differenti professionalità per produrre la massima assistenza, con l'intento di applicare conoscenze scientifiche e tecniche all'avanguardia senza mai perdere di vita l'aspetto umano e relazionale con i pazienti e gli accompagnatori. Pertanto, una buona formazione all'attività di triage rimane indispensabile per gli infermieri che vi si dedicano.
Si tratta di un iniziativa formativa relativa allo studio del volume “TRIAGE INFERMIERISTICO” 4° edizione ( curato dal GFT e fornito come materiale didattico del corso). L’acquisizione dei crediti ed il superamento del corso avvengono dopo la verifica dell’acquisizione dei contenuti relativi agli argomenti trattati nel testo; anche in questo caso l’attività formativa e di verifica potrà avvenire individualmente e nel rispetto delle esigenze organizzative di ogni discente.

Destinatari

  • Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso
    titolo sono coinvolti nell’attività di triage: saranno erogati 80 crediti ECM

Metodologia Didattica

  • Lezione frontale (modulo webinar)
  • Lavori di gruppo (modulo webinar)
  • Discussione (modulo webinar)
  • Studio dispense e libro (moduli FAD)
Inizio evento Lunedì 12 Aprile 2021 15:00
Termine evento Venerdì 23 Aprile 2021 20:00
Costo per persona vedi programma
Ore totali 80
Orario dettagliato vedi programma
Destinatari Infermieri, infermieri pediatrici, ostetriche e medici che operano in Pronto Soccorso e che a diverso titolo sono coinvolti nell’attività di triage.
Crediti ECM 80
Allegato WTO0121TN1204.pdf

Iscrizioni concluse